Alcune, prime, difficoltà (7)

Ho dato una breve occhiata su internet per prepararmi a quello che da lunedì prossimo sarà una vera e propria rincorsa alla buona educazione (da affiancare alla solita dieta pre-natalizia). Per documentarmi su quello che realmente mi aspetta, come tutto il mondo civile contemporaneo quando vuole sapere qualcosa.. sono andata a sbirciare su wikipedia! Gli esempi di norme di galateo che l’enciclopedia più amata del web (è gratis! è di tutti!) propone sono abbastanza fattibili. Anzi, direi che sono tutti ben assodati nel mio bagaglio di civiltà. Li incollo qui nel caso qualcuno volesse dare un veloce occhio.. Anche perché ho come la tremenda idea che mi aspettano cose molto, ma molto più difficili. Niente in confronto alla titanica impresa di imparare a cucinare che ho intenzione di intraprendere dall’anno prossimo con un corso di cucina del Gambero Rosso però..

 

Da Wikipedia, alla pagina del Galateo:

Esempi di norme di galateo

Al ristorante: il cameriere serve il cliente alla sua sinistra (nel servizio all’inglese) e toglie il piatto alla sua destra; Apposite norme regolano come deve essere apparecchiata la tavola; il tovagliolo si tiene aperto sulle gambe, schiena eretta, staccata dalla sedia. Il capotavola aspetta che i piatti di tutti i commensali siano serviti, e viceversa i commensali aspettano che il capotavola inizi per primo il suo pranzo. Prima di servire il secondo, bisogna aspettare che tutti i commensali abbiano terminato il primo. È maleducazione mangiare il pane prima di essere serviti o fra un piatto e l’altro, bere senza prima aver passato l’acqua o il vino al commensale alla propria destra o sinistra che ha il bicchiere vuoto.

Nelle presentazioni: si presenta sempre la persona più importante per prima preceduta dal titolo di maggiore rilievo (di studio o incarico professionale), la stretta di mano non avviene mai da seduti ma alzandosi in piedi e porgendo la mano destra, ed è la persona alla quale si presenta, non quella presentata, che dovrebbe porgere per prima la mano. Per l’uomo è d’obbligo alzarsi, mentre non lo è per le donne.

 

4 pensieri su “Alcune, prime, difficoltà (7)

  1. Pur avendo superato dei GRAN esami con Wikipedia stai attenta: non prendere per oro colato tutto ciò che si trova su quel sito! Infatti (essendo libera e di tutti) tutti possono scrivere e creare voci. E benchè magri colui che scrive sia un plurilaureato espertissimo sulla voce che ha sviluppato/creato, è meglio consultare fonti più autorevoli.
    A questo proposito, sperando di fare cosa gradita ti linko l’ebook del primo libro sul galateo di Giovanni Dellacasa (sempre se non mi sono persa qualcosa trai tuoi post, magari ce l’hai già)
    http://www.letturelibere.net/download.php?id=751

    1. Che carina! Grazie! Al momento ho il Galateo di Giunti e di Gribaudo, ho citato Wiki perché mi sembra abbastanza surreale il link in questione😉 Adesso mi scarico l’ebook! E per Natale mi sono comprata un sacco di testi, da quello di Erasmo da Rotterdam (che consiglia cose per noi assurde, come evitare di fare rumori poco gradevoli a tavola al consiglio di lavarsi una volta la settimana) a quello “dell’era di internet”. Ci sarà da ridere!

  2. ai tempi di Erasmo lavarsi una volta alla settimana era cosa da ricchi! In quell’epoca l’igiene era un optional (ecco perchè tutte quelle malattie) e per essere “presentabili” si incipriavano e profumavano tutti… chissà che odori…

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...