Alle poste

Le poste sono un concentrato di maleducazione (delle persone esasperate che attendono da ore e riversano tutto il loro odio sui poveracci che li circondano) e lentezza (dei dipendenti).
Se le bollette si possono (fortunatamente!) pagare anche in tabaccheria, o tramite il conto corrente, le poste continuano a giocarsi quella carta surreale che è… il bollettino postale. Meglio noto come lo strumento che il diavolo ha creato per rovinare le giornate altrui.

Questa mattina, causa quota annuale (salatissima!) dell’Ordine dei giornalisti, sono andata alle poste vicino casa.
Neanche entro, che scopro cosa è il pandemonio. Anziani con bastoni, cappelli a coppola, giornali fra le mani che sbuffano, maledicono, guardano speranzosi il tabellone in attesa che un miracolo faccia arrivare il loro turno. Peccato che i miracoli non avvengano mai (e non alle poste di trastevere, nel caso)

Gli impiegati sono lentissimi, sembrano delle mummie, non capiscono quando uno parla, si alzano mentre stanno facendo un’operazione e scompaiono per lunghissimi minuti (ma dico, questa, oltre che negligenza, non è anche maleducazione?).

Mi appoggio al muro e aspetto. Uno, due, dieci, ventisette minuti. Poi arriva il mio turno. Mi avvicino allo sportello. Porgo il bollettino e i soldi, una vecchietta (che non so da dove spuntata) con trench rosso e occhialetti alla Willy Wonka mi si mette alle spalle, mi volto per vedere chi è che sta sinistramente troppo vicino alla mia borsa nuova, quando lei si intrufola.
“Scusi, posso avere i moduli?” domanda.
E’ un attimo, un attimo di maleducazione soltanto, che mi fa dire “Signora, ma non vede che non ho neanche iniziato?”. La voce, stridula, mi esce dalla parte più offesa e profonda di me, ma la vecchia indietreggia, sembra imbarazzata, scompare.
Davide, che mi attendeva fumando all’uscita, ha detto che avevo gli occhi di fuoco.

Quando esco mi sento in colpa, ma forse sono le poste a tirar fuori il lato peggiore di ognuno di noi (o almeno così mi piace pensare).

2 pensieri su “Alle poste

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...