La televisione garbata

Oggi a Roma c’è il sole. Ieri non faceva così freddo, la mia febbre e passata e l’antibiotico si è dimostrato per quello che effettivamente è: un salva vita. Resto comunque sul divano, dopo pranzo, a guardare la televisione. Davide è a lavoro, sono sola a casa.

Rai Uno trasmette quello spettacolo indecente che è la metatelevisione. C’è Mara Venier che con le labbra turgide e l’aria imbronciata modera un dibattito fatto di strilla e di gesticolamenti vari sul cattivo gusto e le cadute di stile auspicando una televisione garbata. Viene mandato in onda un servizio sulla cattiva tv: le più ridicole litigate di tutti i tempi spaziano dalla ormai celebre tirata di capelli dell’Isola dei Famosi fino ad arrivare alla sberla di D’Agostino a Sgarbi, mentre Ferrara prova a placare gli animi e in lontananza Corrado Guzzanti trattiene un risolino.
Ovviamente, il protagonista indiscusso del filmato è proprio lui, Vittorio Sgarbi. Il re dell’invettiva ripetitiva, con il ciuffo lungo e brizzolato, gli occhi dalla montatura spessa e l’aria di chi si diverte molto (a fare incazzare gli altri) e pur perdendo sempre le staffe non le perde davvero mai..
Segue a questo gran pezzo di televisione “cattiva”, l’intervista a Patrizia Pellegrino con vestitino di pizzo e trasparenze rosse, labbra appariscenti e ritocchino evidentissimi (come Striscia la Notizia ha evidenziato qualche tempo fa). La Pellegrino parla di quegli uomini cafoni che non aprono lo sportello e si siedono prima a tavola. La giornalista la incalza: “Tutti ti abbiamo visti bellissima e con un abito inusuale il giorno del tuo matrimonio…”. Delle immagini di un abito scollato, rosso e bianco, appariscente e molto scollato, si susseguono sullo schermo. La Pellegrino non abbocca. “Ti è sembrato un po’ eccessivo?” prova la giornalista, ma la Pellegrino taglia corto “Io mi sentivo benissimo, perché no”.
Ed ecco riassunto, con singolare perfezione e incomprensibile sinteticità, il motto delle cattive maniere contemporanee: perché no?

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...