Il galateo su FaceBook

Facebook è una droga. Serve per trovare amici, vendicarsi di quelli vecchi e odiati, riallacciare i rapporti con i pochi non del tutto detestati. I numeri di facebook sono esorbitanti, la maggior parte degli under 13/45 lo hanno (e spesso con più di un profilo). Lo utilizzano per rimorchiare, far passare la giornata al lavoro, sentirsi meno soli.
Superfluo dire che FB sta a una single come una miniera d’oro ancora vergine sta a un cacciatore d’oro. E io me ne sto accorgendo (e solo a malapena) in questi giorni, con Cecilia che mi subissa di suggerimenti d’amicizia e le mie amiche che rincarano la dose fra link e strizzatine d’occhio.
In ogni caso, se il bon ton non va in vacanza sul web, non va trascurato nemmeno sui social network (prossimamente le mie esperienze a cavallo fra il patetico e l’assurdo). Intanto…

Pillole di Galateo. Il bon ton sul social network in 5 punti.
1. Evitare di creare falsi profili. Prima o poi vengono scoperti, e la figuraccia è garantita (o la denuncia, come avviene in California).
2. Non flirtare se si è fidanzati o, peggio, sposati.
3. Nascondersi dietro un monitor non è una buona scusa per sbracare: niente parolacce, interventi sguaiati e affini.
4. Evitare di chattare con tre o quattro persone contemporaneamente. Parlereste mai, nella vita vera, con più di una persona allo stesso momento? Se avete risposto sì… siete dei cafoni (o moderate un talk show in tv).
5. Non nascondersi dietro la classica affermazione “I social network sono stati inventati per violare la privacy” e intanto ossessivamente studiare tutte le foto degli ex, dei vecchi compagni di classe (ma soprattutto compagne), dei colleghi di università e di stage, nonché indagare su tutto quello che riguarda il lavoro. E’ chiaramente una scusa patetica e inaccettabile.
5bis. Se qualcuno che non sopportate vi chiede l’amicizia ignorarlo è una pessima mossa, ma sicuramente è meglio che concedergliela e poi fare di tutto per metterlo in cattiva luce sul suo wall o con le sue amicizie. E se vi rinfacciano: “Ma perché non mi accetti?” la scusa (meno) cafonal è far finta di non essersene accorti. A volte, si sa, il web è un vero mare in tempesta ed è difficile stare dietro proprio a tutti..

5 pensieri su “Il galateo su FaceBook

  1. Bellissime le “pillole”!
    Io odio FB e mai mi ci iscriverò, lo so, non cadrò mai in tentazione. Perlopiù trovo assurdo che delle persone che si frequentano regolarmente perdano tempo a chattare. FB è nato con lo scopo di ritrovare persone perse di vista da anni e aveva un senso, ma ormai si fa a gara a chi ha più amicizie e si perde un sacco di tempo anche con giochini stupidi quando una bella partita a Monopoli fra amici, sul tavolo del salotto, sarebbe di gran lunga preferibile.

    So solo che le poche volte che ho cercarto davvero qualcuno che non vedevo da anni, mettiamo un tale Mario Rossi – ma con un cognome meno diffuso – mi sono ritrovata davanti fotografie inguardabili dove Mario Rossi era lontano un chilometro dall’obiettivo, quindi difficilmente riconoscibile. E poi la cosa che più mi dà sui nervi è che, pure quando al posto della propria fotografia gli utenti inseriscono un cartone animato, sotto sta scritto: “Non è il Mario Rossi che cercavi?” In quei casi mi sento proprio presa per i fondelli!😦

      1. Ho capito solo di recente come funzionano i “tag” su FB (da qui nasce il verbo, ormai difussisimo, “taggare”), e non ne capisco proprio il senso!
        Come dici anche tu, cerchi una persona e la ritrovi in mezzo a un sacco di altra gente in una foto, magari scattata a sua insaputa! Magari è pure poco riconoscibile o in una condizione non ottimale, ma il suo nome viene messo in evidenza comunque! Per non parlare poi della qualità delle foto… Su FB vengono caricate fotografie davvero scadenti anche per un occhio inesperto, ma la gente le inserisce comunque e non si preoccupa di fare una selezione, basta “taggare” chi ci sta dentro. Facebook è la morte della fotografia…

  2. Prima di rispondere ho chiesto informazioni a mio figlio perché non sapevo esattamente cosa fosse Twitter. Mi ha detto che è praticamente la stessa cosa solo che ci sono più personaggi famosi che scrivono e non profili fasulli come su FB.

    Dopo aver avuto lumi, concludo che non mi piace nemmeno Twitter, anzi mi dà l’idea che sia ancora più un mezzo per spettegolare. Quindi ancora più lontano dalle … buone maniere.🙂

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...