Un paio di scarpe nuove

La vera dipendenza (almeno nel mio caso, e nelle ultime settimane: da quando ho scoperto un negozio vicino casa che a fine mese chiuderà e liquida tutto al 70%) sono… le scarpe.
Ballerine, da tennis, sportive, tacchi a spillo, tacchi tondi, spuntate, con zeppa, stivaletti. Insomma, tutto. Peccato che poi mi facciano male i piedi e sia costretta a indossare sempre le solite cose, ma questo è un altro discorso.

In questi giorni (complice il fatto che la macchina è dal meccanico) sto camminando a piedi, andando in giro in tram e in bus. Inquina meno (lo so), risparmio tempo (a volte impiego più a cercare parcheggio che a raggiungere la destinazione) e anche soldi (visto il prezzo del diesel, benché mi pare che oggi sia un po’ calato).

E camminando sempre a piedi (anche se due giorni sono davvero pochi per fare questo tipo di considerazioni), mi sono resa conto che..
..è davvero difficile rispettare IL GALATEO DEI TACCHI!

Sì, avete capito bene. Parlo proprio del galateo dei tacchi. E non delle scarpe normali di cui, casomai, mi occuperò domani (sempre che non succeda qualcosa di sconvolgente – per es. ieri volevo fare un post sul galateo in cabina elettorale, poi sono andata a fare una passeggiata, mi sono stancata e sono tornata a casa così morta da non riuscire a scrivere neppure una riga).
Sempre più spesso mi capita di vedere delle donne in tuta con stiletto dieci a fare al spesa, ragazze a funerali con ballerine spuntate da cui si intravedono smalti fluo, stivali con il pelo a colazione, infradito durante le riunioni di metà mattinata in redazione (a Roma un giorno sembra arrivata l’estate, ma il giorno dopo è già inverno).

Ho pensato allora che ci sono delle ferree regole da rispettare quando si parla di scarpe. Ecco… IL GALATEO DEI 7 TACCHI!
1. Tenere sempre presente dove si sta andando. Niente look eccessivi. Niente trucchi eccessivi. Niente gioielli eccessivi. (Questa è un po’ la premessa generale, ma va fatta!). E quindi… niente tacchi eccessivi!!!
2. Ricordarsi che i tacchi non sono quasi mai vietati (tranne che in contesti religiosi molto precisi) ma in numerose situazioni sono sconsigliati (es. stadio, campi sportivi, feste in giardino). Meglio rinunciare a un po’ d’altezza che rendersi ridicole inciampando, affondando in un prato o cadendo dagli spalti.
3. Evitate di mettere tacchi troppo alti di prima mattina, meglio un paio di scarpe comode e basse o dal tacco modico. I tacchi dai 7 cm in su sono consentiti dalle 18 in poi. Se proprio non ne potete fare a meno, cercate tacchi quadrati e ben saldi. Evitate durante il giorno i tacchi sottili e, ancor di più, gli stivali con tacchi finissimi.
4. Allenatevi a camminare in modo aggraziato, o lasciateli perdere. Non c’è niente di peggio (e di meno sensuale) di una donna che indossa delle scarpe che non la fanno sentire a suo agio e su cui… non sa cammianare!
5. Evitate di fare rumore mentre camminate. Se c’è silenzio (es. se avete davanti a voi un lungo corridoio bianco e silenzioso), sforzatevi di fare piano ma non mostrate imbarazzo se qualcuno avverte il vostro passaggio.
6. Anche se state soffrendo, fate finta di niente. E’ orribile vedere una donna che si lamenta delle sue stesse scarpe.
7. Mai togliersi le scarpe. Anche se i piedi sono doloranti, anche se siete stanche, anche se state per morire è severamente vietato toglierli. Sarebbe un segno di debolezza e di gravissima maleducazione (e, per carità, non tiriamo fuori l’istinto e le bassezze primarie, in questi casi non c’è trattativa).

8 pensieri su “Un paio di scarpe nuove

  1. Una cosa che proprio non sopporto è vedere quelle ragazzine di 14 anni, o comunque le ragazze in generale, che pretendono di indossare i tacchi (anche per venire a scuola, tra l’altro!) senza sapere come camminarci! Ma non saranno più comode un paio di scarpe da ginnastica? Sempre che queste siano in grado di utizzarle…Spesso vedo adolescenti che vanno in giro con le scarpe slacciate, larghissime, che strusciano i piedi per terra come se portassero delle ciabatte…

  2. Ah, come ti capisco! Anch’io sono famosa per l’acquisto di scarpe con il tacco (ma non molto alto, massimo 6 cm) che poi rimangono nella scatola perché mi fanno male i piedi. Stamattina, ad esempio, ho indossato un paio blu di camoscio, dopo averle lasciate dal calzolaio in forma per una settimana. Che sarà mai, mi son detta, in fondo a scuola sto seduta. Macchè … un male cane, che non ho nascosto per nulla facendo smorfie di ogni genere. Il galateo non si addice ai miei piedi.

    Ma a Roma, come si fa ad andare in giro con i tacchi sottili sui sanpietrini? Qui lo chiamiano porfido ma più che altro è perfido: non ho un paio di scarpe con i tacchi integri.

    @ Scrutatrice

    Io a scuola non vedo quasi mai le ragazze con i tacchi. Odio le scarpe da ginnastica: saranno comode ma così poco femminili.😦

    1. Io ho tutti i piedi incerottati, ti capisco benissimo🙂

      Secondo me a scuola i tacchi (alti e medi) dovrebbero essere evitati! Meglio scarpe informali, come mocassini, ballerine, o tacchi piccoli che diano però l’idea di curatezza e ordine..

      A Roma poi è una tragedia: io ho tutti i tacchi rovinati, ma da quando sono tornate di moda le zeppe (ovviamente sobrie), la cosa va molto meglio🙂

  3. mi trovo perfettamente d’accordo con te! ogni scarpa deve essere pensata per il contesto adatto….

    @Marisa
    per fortuna a Roma i sanpietrini li trovi solo in centro😉

  4. @ Scrutatrice

    In effetti, come dice anche Caterina, a scuola è meglio evitare i tacchi. Però insisto col dire che le scarpe da ginnastica sono terribili e poco adatte alle ragazze. Le ballerine costituiscono una bella alternativa, anche se d’inverno effettivamente non vanno bene. Però quando fa freddo a scuola gli Ugg girano da soli … poco eleganti, comunque.

    @ Lady Paola

    Anche qui a Udine il porfido c’è solo in centro ma quando vado a fare una passeggiata, per forza devo andare in centro. Udine è così piccola …

    @ Caterina

    Non riesco più a camminare nemmeno con le zeppe. Mi sento insicura eppure quand’ero ragazzina le usavo tantissimo. Purtroppo con l’età si cambia. Ormai mi arrendo alle ballerine comode e ai sandali senza tacco. Per l’inverno gli stivali sono la mia salvezza. Se potessi, li metterei tutto l’anno.

    Una domanda: che ne pensi dell’abbinamento tacchi (alti se non altissimi)-jeans? Per una mia amica che si occupa di moda portare i tacchi con i jeans è elegante, a me l’abbinamento non piace, mi sembra tanto volgare.

  5. @ Marisa
    Ti prego, gli Ugg non me li nominare! Sono tozzi, sembrano delle pantofolone! Io non li indosserei mai… Quando di inverno non utlizzo le ballerine ( perchè qualche volta le metto) prediligo gli stivali: comodi ed adatti ad ogni situazione!

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...