Il Galateo al referendum

Ho finalmente trovato la mia scheda elettorale. Era finita dentro un libro (?) a sua volta riposto dentro una borsa finita in fondo al mio armadio. E’ stata una sorta di complicatissima caccia al tesoro, ma alla fine ci sono riuscita.

Non so in quanti di voi oggi andranno a votare, e non sto qui a dilungarmi sul fatto che sia più o meno giusto esercitare il proprio diritto “di dire la propria” (perché, alla fine, anche non dire niente equivale a dire qualcosa).

Per chi di voi volesse però andare a votare…
… Pillole di Galateo AL REFERENDUM.

1. Presentarsi con la propria scheda elettorale. Nessuno (neppure vostro cugino) può farvi votare se non l’avete. E’ illegale persino pensare qualcosa di diverso.
2. Non borbottare se c’è fila. E non chiedere di passare avanti perché “mi aspettano i bambini in macchina e con questo sole staranno morendo di caldo” (ma poi che razza di genitore lascia i propri bambini in macchina con questo caldo? forse quello che usa i propri figli come scusa…).
3. Non fatevi scoraggiare da un paio di minuti di attesa e, se avete deciso di votare, non dite “ripasso dopo” (anche se siete davvero convinti di ripassare) perché al 99,99% succederà qualcosa e non avrete più modo di votare.
4. Non chiedete a chiunque vi capiti a tiro: Ma tu che hai votato?
5. Restare seduti sul divano a guardare i risultati del referendum non è come andare a votare. Quindi… o vi alzate e passate all’azione, o spegnete la televisione. In fondo, come hanno detto ieri al Tg1, oggi c’è proprio “il tempo adatto per andare a fare una gita”.

4 pensieri su “Il Galateo al referendum

  1. Oggi è stata la mia prima votazione!🙂
    Diciamo che non mi sono comportata proprio come il Galateo si aspetterebbe… Insomma, era la prima volta! E avevo anche avvisato i tipi che mi hanno consegnato le schede: potevano spiegarmi le cose più chiaramente! Vabbè, sta di fatto che sono entrata in cabina, ho espresso la mia preferenza (facendo ben attenzione a non sovrapporre le schede) e poi sono uscita con le schede tutte aperte tra le mani, pensando che qualcuno mi spiegasse come ripiegarle. Invece mi hanno guardata male e mi hanno rimandato in cabina per piegarle. Che figura…!
    Però, come ripeto, era la prima volta…Ero o no giustificata?😉

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...